Tre giorni con Luca e Martha a Genova (parte 1)

L’anno che è appena finito è stato sicuramente il periodo più difficile di sempre. Vivere una pandemia ti scaraventa, tuo malgrado, come dentro un film che definiresti un’americanata “no brain”; di quelli che guardi stesa sul divano, con la copertina, gelato o pop corn e con il cervello riposto gelosamente sul tavolino accanto alla tazza della tisana.

Invece no, è tutto vero. Quindi succede che la vita frenetica, di colpo, si arresta. Non accompagni più il bambino all’asilo; il tuo compagno rimane bloccato a 1000km da casa senza la possibilità di rientrare e nel frattempo si accentuano le incomprensioni; inizi a lavorare di notte, perché di giorno giochi e svolgi una serie di lavoretti proposti dalle maestre per non abbandonare i bambini davanti alla televisione; il gruppo delle mamme, di cui sei coordinatrice, diventa sempre più pressante dovendo fare da tramite con le maestre e i genitori; inizi a consumare tutte le risme di carta dove come per magia appaiono dinosauri di cui prima non conoscevi neanche l’esistenza prendendo così la laurea in paleontologia su internet… ed infine nonostante tutto entri nel magico mondo dei Youtuber.

Passano i giorni e prendi dimestichezza e fai conoscenza con CKN Toys dal Regno Unito, Vlad and Nikita da Dubai (con ben 15 canali in altrettante lingue diverse…), poi arrivano gli italianissimi “Me Contro Te” Luì e Sofì, la Famiglia GBR, MartaVi e quello che prima era un passatempo con tuo figlio, inizia a prendere forma come un progetto lavorativo…

La lampadina mi si accende grazie a Nicolò che dopo aver visto Luì e Sofì prima e in un altro video la famiglia GBR, a Disneyland mi dice: “Mamma, vorrei andare Disneyland!”. Se Disneyland ha bisogno anche di questa nuova forma di pubblicità “perché non applicarla anche ad una città come Genova!”. Penso e ripenso. Inizio a scrivere il progetto e a parlarne. Inizio a cercare i contatti degli Youtuber citati e mi si apre un vero e proprio mondo di ragazzi, giovani e talentuosi che lavorando sulle varie piattaforme social si sono creati un mestiere. La pandemia poi, ha dato loro ancora più visibilità perché internet era l’unico legame con il mondo esterno.

Ed ecco che dopo diverse chiacchierate con manager, agenzie, creator, una notte decido di scrivere a Luca Lattanzio, un ragazzo che da diverso tempo racconta la sua vita sul suo canale di Youtube raggiungendo quasi 2 milioni di follower. Da questo momento inizia una fitta corrispondenza con la sua manager ed inizia a prendere forma il “mio” progetto…

[continua…]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: