Adiosu riu

Le grida si udivano a distanza, poi nulla più.
Nel silenzio il gemito di un bimbo.
Le sue labbra non ebbero neanche il tempo
del primo e unico bacio.
Scolorirono fredde, fredde.
Chiusero, della madre, gli occhi azzurri.

I fiumi custodiscono segreti e antiche credenze
Donano pace ai vivi e rifugio ai morti.

Vieni a lavar la mia anima
Adiosu riu
B’appat mortu o biu
Riu Adiosu
B’appat biu o mortu

Il loro vociare si udiva a distanza,
vicino al ruscello
Profumo di panni lavati,
Di pane  e di formaggio.
La scorsero tra le frasche,
forse solo suggestione.
La videro allontanarsi finalmente in pace.

I fiumi custodiscono segreti e antiche credenze
Donano pace ai vivi e rifugio ai morti.

Vieni a lavar la mia anima
Adiosu riu
B’appat mortu o biu
Riu Adiosu
B’appat biu o mortu

Dall’antica leggenda di Orotelli (NU) – Sardegna

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea il tuo sito web su WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: